Una straordinaria dimostrazione di solidarietà che ha consentito di salvare più vite. Questa notte all’ospedale di Rivoli è stata compiuta una donazione multi-organo e multi-tessuto da un paziente di 53 anni, deceduto poche ore prima a causa di un infarto: sono infatti stati prelevati e donati fegato, rene, osso, tessuto muscolo-tendineo e cornee.

Mostrando particolare sensibilità, la famiglia ha acconsentito all’intervento pur in una circostanza così delicata, rispettando lo spirito e la volontà dell’uomo, già donatore di sangue e persona nota per la sua grande generosità.

L’operazione è durata complessivamente più di 12 ore e ha coinvolto diverse équipe di ospedali torinesi che – nell’ambito del Coordinamento regionale donazioni e prelievi – hanno collaborato insieme al personale sanitario dell’ospedale di Rivoli: medici e infermieri del reparto di Rianimazione, un chirurgo, infermieri, Oss e strumentisti del blocco operatorio.

“Un gesto di grande generosità da parte di questa famiglia ha permesso alla nostra sanità di salvare la vita ad altre persone – rimarca il Direttore Generale dell’Asl To3, Flavio Boraso –. È anche un ulteriore segnale dell’importanza che riveste la collaborazione fra le Asl, il Coordinamento regionale donazioni e prelievi e il Centro regionale trapianti e di come il sistema sanitario, pur messo alla prova da un periodo molto difficile, continui a funzionare. Ringrazio tutto il personale per la dedizione e la professionalità mostrate in questi mesi”.