Sabato 23 novembre alle 21.00, nell’ambito della rassegna “Cantalupa a Teatro”, va in scena al Teatro Coassolo (via Roma, 18 – Cantalupa – prenotazioni 3345720491) Preferisco GABER, storie e canzoni cosparse di illogica allegria, lo spettacolo teatral-musicale che vede nuovamente insieme le Malecorde e Paolo Domenico Montaldo, autore dei testi, regista e voce narrante.

Dopo aver portato nei teatri l’album “Storia di un impiegato” di Fabrizio De André, il binomio Malecorde-Montaldo propone uno spettacolo ironico e allegro per narrare Giorgio Gaber attraverso le sue prime canzoni, quelle della televisione in bianco e nero e del giradischi, quelle che mettono di buon umore, quelle che molti ricordano bene e che hanno cantato almeno una volta. Canzoni che oggi di rado si ha la possibilità di ascoltare dal vivo.

E’ stato un grande lavoro di arrangiamento e interpretazione quello compiuto dalle Malecorde sui brani più conosciuti scelti fra gli oltre 150 composti da Giorgio Gaber tra il 1960 e il 1970: da “Torpedo blu” a “L’Armando, da “Non arrossire” a “Com’è bella la città”, da “Lo Shampoo” a “La ballata del Cerutti” con qualche eccezione e divagazione. Il risultato è uno spettacolo trascinante che riserva più di una sorpresa.

Le storie cosparse di illogica allegria sono quelle del giovane Gaber un po’ buffone e un po’ poeta, e delle sue canzoni, dell’Italia del boom economico e

degli anni che seguirono, degli oggetti-simbolo di quel periodo. A queste si affiancano le storie degli amici che con Gaber hanno fatto un pezzo di strada.

I componenti delle Malecorde: Giovanni Battaglino, Matteo Bagnasco, Paolo Mottura, Eugenio Martina, Diego Vasserot, Caterina Battaglino, insieme a Paolo Domenico Montaldo, tracciano il percorso di questo viaggio nel passato, giocano con il ritmo e con le parole, si scambiano i ruoli, coinvolgono il pubblico per mostrare, ancora una volta, quanto teatro c’è nella musica.