Parte la stagione estiva di Pragelato e della intera Via Lattea. Il progetto è stato illustrato ieri in una conferenza stampa a Pinerolo alla presenza degli amministratori Comunali – il Vice Sindaco Mauro Maurino e l’assessore al Turismo Claudio Salvai – e di molti operatori locali che hanno contribuito attivamente alla programmazione dell’ormai prossima stagione estiva. Una stagione estiva, quella del 2020, che è stata del tutto reinventata e riprogettata dovendo escludere, per le note disposizioni in materia di contenimento della pandemia, qualunque forma di assembramento.

Per quanto riguarda Pragelato si tratta di una stagione estiva molto intensa con una pluralità di iniziative all’insegna della riscoperta del territorio e dei suoi segreti.

Tre, comunque, i filoni attorno ai quali si articola l’estate Pragelatese.

Innanzitutto la forte valorizzazione delle specificità del territorio: borgate, alpeggi, luoghi simbolo. Il tutto attraverso la pulizia e il rifacimento dei sentieri che sono e restano una ricchezza inestimabile per l’intera valle. Un lavoro durato mesi e grazie alla partecipazione attiva e costante di oltre 50 volontari, coordinato dai consiglieri comunali Paola Borra e Valter Blanc.

In secondo luogo la riscoperta della identitaà storica e culturale della comunità di Pragelato con una mostra fotografica storica, il racconto culturale sulla specificità delle varie borgate, il gusto in quota con prodotti tipici locali, la visita agli alpeggi e percorsi itineranti lungo le vie di Pragelato.

In ultimo, ma non per ordine di importanza, la valorizzazione delle grandi potenzialità paesaggistiche e naturali di Pragelato con percorsi ad hoc e visite nelle innumerevoli borgate, rifugi e località disseminate lungo tutto il territorio.

Il tutto accompagnato dalla tradizionale Fiera del libro. Una stagione estiva, dunque, all’insegna della sfida e della scommessa per un turismo di prossimità incentrato esclusivamente sul territorio e sulle sue enormi potenzialità. Una sfida che, comunque sia, può rappresentare un esperimento pilota per altre località turistiche montane ed invernali come Pragelato.