Locandina-volantino 2016 ok ridDomenica 19 giugno la Giornata a porte aperte alla Fondazione Centro Culturale Valdese di Torre Pellice di quest’anno prepara una mostra dal titolo “Un patrimonio femminile: abiti e costumi al Museo valdese tra documenti e immagini”  che, non solo, illustrerà le stoffe utilizzate per i vari componenti del costume valdese, i suoi ornamenti e le tecniche di cucitura, ma entrerà forzatamente anche nel ricco e variegato mondo dell’educazione femminile, della tradizione orale e del patrimonio trasmessi da madre a figlia. La mostra sarà allestita nella Sala Paschetto e sarà inaugurata alle ore 15,00 e rimarrà visitabile fino al 31 agosto. All’esterno (all’interno in caso di maltempo) Piera Barolin e la figlia Monique Piston illustreranno dal vivo “come si fa il costume valdese: vestito, scialle, grembiule, cuffia”, fra le 15,00 e le 18,30 circa. Anche gli stand su via Beckwith offriranno alcuni manufatti, libri e oggetti sul costume valdese. La presentazione di fotografie e documenti alle 17,30 nell’Archivio storico sarà ancora incentrata sulle donne valdesi. Il resto della giornata prevederà due visite guidate e animate al Museo storico (alle 10,30 e alle 16,30); nella sala di lettura della biblioteca alle 16,00 verrà trattato il tema “Pacifismo e Federalismo”. Alle 11,30 verrà offerto un aperitivo a tutti i visitatori e Davide Rosso, direttore del Centro culturale valdese, presenterà ufficialmente il programma della Giornata. Nel corridoio si potrà vedere “Una finestra sul patrimonio culturale valdese. Curiosità dai depositi: Il Calamaio “cinese” di Cesare Beccaria e di Carlo Botta” in cui verrà illustrata la curiosa vicenda di un oggetto appartenuto a tre generazioni di italiani illustri. Aperta fino al 31 agosto. Nella sala archeologica si potrà vedere la collezione permanente di reperti preistorici, etruschi, egizi, greci, romani e fenici. Alle 18,30 – a conclusione della giornata – avrà luogo nel tempio valdese, di fronte alla Fondazione, un breve concerto dei “Vietraverse”, trio pinerolese per voce e strumenti, che presenterà un recente lavoro di ripresa di brani tradizionali delle valli valdesi.]]>