Mercoledì 3 giugno riapre la biblioteca comunale di Luserna San Giovanni con la nuova gestione affidata al servizio Giovani e Territorio della Diaconia Valdese Valli

Prosegue il grande lavoro di rete e collaborazione che la Diaconia Valdese porta avanti sul territorio delle Valli Valdesi e del Pinerolese. Protagonista di questa modalità di intervento è la Biblioteca di Luserna San Giovanni (TO), la cui gestione per un anno, il Comune omonimo ha deciso di affidare al Servizio Giovani e Territorio della Diaconia Valdese Valli. Le novità in campo sono molte ma per quanto riguarda il sistema di prestito, questo rimane invariato, portando avanti la collaborazione con le persone che sino ad ora hanno garantito il servizio apprezzato dai cittadini. ‘La riapertura del 3 giugno – afferma l’Assessora alla Cultura Elena Marcellino – rappresenta l’inizio del progetto culturale di trasformazione della nostra biblioteca da civica a sociale. Progetto ambizioso che non poteva che prendere forma con la collaborazione della Diaconia Valdese e del Servizio Giovani e Territorio. Il confronto nato mesi fa ha consolidato quale esigenza primaria la creazione di un luogo di riferimento per la comunità intera, accessibile ed accogliente, perché nessuno si senta solo o escluso, con particolare attenzione ai giovani del territorio. Investire in cultura è investire nel nostro futuro, ancora di più in questi tempi di incertezza e smarrimento’.
La Diaconia Valdese Valli è stata coinvolta per rilanciare e ampliare i servizi che attualmente la Biblioteca offre. Il servizio Giovani e Territorio ha il compito di promuovere la stessa nonché la lettura, proponendo delle attività in più rispetto a quelle già in atto, come attività laboratoriali e ludico – educative distinte per fascia d’età (0-3|3-6|6-11|11-14 anni), attività intergenerazionali coinvolgendo le fasce d’età più avanzate e implementando attività culturali e formative rivolte a tutta la cittadinanza.
Il tutto è ricalibrato, considerando l’emergenza sanitaria che si sta vivendo e le norme vigenti per evitare la diffusione del Covid19. ‘Abbiamo dovuto rivedere il progetto iniziale adattandolo alla normativa vigente anti Covid19 – afferma Davide Paschetto, responsabile del Servizio Giovani e Territorio – ma non abbiamo perso l’entusiasmo e cercheremo di offrire alla cittadinanza un servizio sicuro e ricco di iniziative, nel limite del rispetto delle norme. Speriamo in futuro di poter partire con tutte le azioni che avevamo progettato’.
Per la riapertura la Biblioteca si veste a nuovo: nuovo logo che mette in primo piano il Libro affiancato dai colori dell’acronimo LSG (Luserna San Giovanni) che rappresentano la volontà di ‘colorare’ la Biblioteca, rendendola polifunzionale. Accanto al logo anche una nuova identità grafica che accompagna le comunicazioni relative al servizio.