Sabato 25 e domenica 26 maggio le porte dei musei di Pinerolo accoglieranno spettacoli, performance e visite guidate che consentiranno a turisti e abitanti della città di apprezzare la bellezza del loro patrimonio. Torna la Notte delle Muse, per animare l’ultimo fine settimana di maggio 2019 con una terza edizione ricca di attività e anche di contenuti, grazie al lavoro dei musei cittadini. Una piccola maratona che vede per il 2019 un programma studiato nei minimi dettagli, migliorato nelle tempistiche e con un tema chiave: la mano. Una novità importante per il 2019 è la traduzione in LIS Lingua Italiana dei Segni di alcune rappresentazioni teatrali, a beneficio di spettatori sordi. Il programma è diviso in diversi momenti, con attività dedicate ai bambini e ai ragazzi che animano la fascia pomeridiana del sabato (dalle ore 16.00 alle 18.00), performance, spettacoli e visite guidate che si svolgono, in massimo quattro repliche per ogni ora, dalle ore 20.00 alle 23.00 e infine una grande caccia al tesoro, “Diamoci una mano”, che occupa mattina e pomeriggio di domenica 26 maggio. Dopo l’inaugurazione delle ore 18.30 presso Palazzo Vittone, spazio alla musica con le Incursioni musicali della  Bandaradan: la street band accompagnerà lungo le strade e nei percorsi verso i musei i visitatori in due momenti diversi della serata (alle 18.45 e alle 22.30), snocciolando un repertorio originale ispirato alla musica klezmer, balcanica e circense, il tutto alternato a spiritose gag. Ma sarà dalle ore 20.00 alle 23.00, che la Notte delle Muse diventerà scoppiettante, animandosi con performance all’interno dei musei associate a visite guidate alla scoperta delle collezioni: quattro repliche, una per ogni ora, consentiranno ai visitatori di godere di un breve spettacolo introduttivo (animazione museale) ispirato al tema della manualità e successivamente, accompagnati dalle guide all’interno dei musei, scoprirne una parte delle collezioni. Presso la Casa del Senato con la performance La mano nella storia un’eccentrica documentarista, esperta in Manologia, guiderà il pubblico a riflettere su illustri esempi di uomini e donne che delle mani hanno fatto un uso entrato nelle leggende e nei libri di storia. Il Museo Etnografico propone Il brigante e la fanciulla storia di un brigante prepotente e feroce e di una giovinetta perseguitata per un atto di coraggio. Il Museo Storico del Mutuo Soccorso propone la performance Tra le mie mani il mondo dove un uomo con le mani che prendono vita racconta il mondo dal proprio punto di vista: il corpo diventa teatro e la realtà si fonde con la poesia. La Collezione Civica d’Arte di Palazzo Vittone propone invece La manita un giallo sullo smarrimento dell’opera “La Manita de Pistacho” con una caccia al ladro nei meandri del museo alla quale parteciperanno i visitatori. Il Museo di Arte Preistorica con Animali estinti e dove trovarli (TRADUZIONE LIS) proporrà una divertente riflessione sulla nostra responsabilità di proteggere bizzarri animali che popolano questo pianeta, tramite la pseudoscienza della pupazzologia. La leggenda della mano di Dio porta invece nel Museo Diocesano una performance sulla Mano del Buon Dio, un fiore capace di riunire le coppie in crisi, grazie al suo profumo, o di neutralizzare la Mano del Diavolo, grazie alle sue radici a forma di mano. Anche il Caffè del Teatro Sociale sarà visitabile e per l’occasione proporrà lo spettacolo Ingenuesi con due eccentrici personaggi alle prese con la creazione del mondo; due moderni “Adamo ed Evo”, che attraverso giochi con le mani, l’arte clown, gag visual e teatro fisico si confronteranno con lo stesso Creatore. Infine, non mancherà la musica nel programma: il Museo Storico dell’Arma di Cavalleria proporrà un Duo flauto traverso e pianoforte  (musica barocca, classica, tango, blues sino al jazz contemporaneo). Domenica 26 maggio sarà invece la volta della Caccia al tesoro a premi “DIAMOCI UNA MANO”. Una sorprendente ricerca per ricostruire il taccuino del curatore distratto, da svolgere visitando i Musei di Pinerolo. Iscrizione ore 9.30 presso l’Atrio di Palazzo Vittone, con un contributo di Euro 5,00 a gruppo. L’“indagine” si svolgerà dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00, termine per la consegna della soluzione; la premiazione avrà luogo alle 18.00 presso Palazzo Vittone. Con la Notte delle Muse 2019 si inaugura infine una nuova stagione per i musei pinerolesi che con il MUPI – Sistema Musei Pinerolo avranno una gestione unificata divenendo un interlocutore capace di operare per la conservazione, valorizzazione e promozione del ricchissimo patrimonio museale cittadino. Per La Notte delle Muse 2019 i musei continueranno a essere aperti gratuitamente, ma si potrà già acquistare la tessera MUPI al costo di cinque euro: un abbonamento che a partire dal mese di settembre 2019 permetterà di fruire in maniera illimitata per tutto l’anno di collezioni permanenti ed esposizioni nei musei civici. Un piccolo gesto che significa molto.  ]]>