l’ASL TO3 ha appena approvato  un piano di investimenti in edilizia, manutenzioni ed attrezzature  biomediche che, come entità, non ha paragoni con gli anni passati: sarà infatti pari a 12  milioni di euro. Uno sforzo notevolissimo perché , pur non rendendosi disponibili  specifiche risorse  utilizzabili allo scopo,  l’Azienda mette   in campo ogni possibile  disponibilità   derivante da  risparmi gestionali,  ribassi d’asta, possibili mutui  e risorse vincolate (destinabili solo agli adeguamenti in materia  di sicurezza). Un piano che si pone l’obiettivo  di far fronte, in modo pianificato e non sporadico,  a tutte quelle  esigenze ritenute prioritarie ed indifferibili individuate a seguito di una puntuale ricognizione che nella sua redazione ha  coinvolto le Direzioni Ospedaliere e dei  Servizi territoriali, i Servizi   Tecnico-informatico, L’ingegneria clinica, il Provveditorato, la Logistica ,  le Risorse finanziarie ed il   Patrimoniale; il tutto con un’unica   “cabina di regia” direttamente riconducibile alla  Direzione  Generale dell’Azienda “ E’ evidente che  in un’azienda così ampia , con 8 fra Ospedali e Poli sanitari, con 160 sedi di servizi,  le esigenze sarebbero molto superiori alle possibilità reali di intervento”  sottolinea il Dr. Flavio Boraso – Direttore Generale dell’ASL TO3  “ tuttavia grazie  all’analisi di ogni minima disponibilità dovuta soprattutto a risparmi ed economie di  gestione, siamo riusciti a mettere insieme un fondo complessivamente  significativo che ci consente quest’anno di pianificare interventi   di una certa importanza ritenuti prioritari sia in edilizia sia in apparecchiature sanitarie; com’è nostra consuetudine nella destinazione delle risorse non abbiamo tenuto in considerazione  né equilibri territoriali né  di  certo l’insistenza di singoli responsabili  bensì  solo ed esclusivamente una severa analisi tecnica e motivata  dell’urgenza reale .A questo sforzo Aziendale, realizzato di fatto grazie al contributo di tutti , dovrebbe aggiungersi presto una nuova iniezione di liquidità da parte dell’Assessorato alla sanità che, grazie al buon andamento dei conti regionali, per quest’anno dovrebbe poter disporre di risorse aggiuntive da destinare agli investimenti nelle ASL piemontesi”. Il  piano 2017  rappresenta dunque  il contenitore unico degli interventi (anche se articolato su 4 aree di attività) ed evita ancora una volta di rincorrere volta per volta le  continue richieste avanzate  dai servizi, salvaguardando comunque ogni improvvisa e reale urgenza dovesse emergere nel corso dell’anno. L’intera pianificazione si articola di fatto su 4 diversi filoni : 1)  – Il Piano investimenti ( 2,4 milioni di euro) per attrezzature biomediche, arredi, sicurezza.; 2)  – Il Piano manutenzioni  ( 3,6 milioni di euro)  per interventi in ambito  edilizio ; 3)  – Il Piano per il recupero e la fruizione  della Certosa di Collegno ( 750 mila euro) ; 4)  – Il Piano  mutui ( 5,3 milioni di euro) per investimenti nel riordino logistico delle sedi a Rivoli.   Scarica il dettaglio completo[gview file=”http://caprilli.com/territorio/wp-content/uploads/sites/5/2017/04/dettaglio.pdf”]]]>