Riprendono durante il periodo di avvento gli appuntamenti culturali “Fede con arte” promossi dal vescovo Derio. Un’occasione che la diocesi propone a tutti per prepararsi al Natale.
«Il tema che ci accompagnerà in questo ciclo di incontri – spiega il vescovo– è quello dello stupore. Sono profondamente convinto che abbiamo bisogno di riacquistare la capacità quotidiana di stupirci, cioè di guardare con attenzione le cose, gli eventi, le persone per vederne gli aspetti buoni e belli ed esserne grati.
Uno degli atteggiamenti più difficili da vivere oggi è proprio la capacità di essere grati. Il lavoro sullo stupore ci potrà aiutare in questo cammino per uscire dal pericolo di valutare solo le cose come utili o inutili, piacevoli o non piacevoli. L’arte sempre allena lo stupore e la capacità di stupirsi. Nello specifico di questi tre incontri le opere che andremo ad analizzare – annunciazione, natività e pastori – sono un’ottima occasione di allenamento allo stupore».
Dopo alcune incursioni nell’arte contemporanea e astratta, monsignor Derio ritorna al figurativo e al classico con autori come Leonardo da Vinci, Botticelli, e Tintoretto.
Si comincia giovedì 5 dicembre con “Oltre Noi: Annunciazioni. Leonardo e Lotto”. Si prosegue giovedì 12 dicembre con “Per Noi: Natività. Caravaggio e Botticelli”. L’ultimo incontro è in programma per giovedì 19 dicembre con “Senza parole: i pastori. Gherardo delle notti e Tintoretto”.

Tutti gli incontri si terranno, come di consueto, nella Sala del Seminario (Via Trieste, 44 – Pinerolo) in tre diversi orari: 16,00 – 18,30 – 21,00 in modo da dare a tutti la possibilità di partecipare.