martedì 25 ottobre 2016 – ore 21.00 – Accademia di Musica Gabriele Mirabassi clarinetto Roberto Taufic chitarra Cristina Renzetti voce   O grande amor (A. C. Jobim – V. de Moraes) Falando de amor (A. C. Jobim) Por toda minha vida (A. C. Jobim) Correnteza (A. C. Jobim – L. Bonfà) Chovendo na roseira (A. C. Jobim) Sabià (A. C. Jobim – C. Buarque) Canta canta mais (A. C. Jobim – V. de Moraes) Desafinado (A. C. Jobim – N. Mendonça) Io so che ti amerò (A. C. Jobim – V. de Moraes – S. Bardotti) Se todos fossem iguais a você (A. C. Jobim – V. de Moraes) Retrato em branco e preto (A. C. Jobim – C. Buarque) O morro não tem vez  (A. C. Jobim – V. de Moraes) Chega de saudade (A. C. Jobim – V. de Moraes)   “Correnteza”, in portoghese la corrente del fiume, è il titolo di un bellissimo brano di Tom Jobim, il musicista brasiliano più famoso di tutti i tempi, emblema della bossa nova, racconto poetico musicale della zona sud di Rio de Janeiro a cavallo tra gli anni ‘50 e ’60. È successo per caso, che sulle note di questo brano sia avvenuto il primo incontro musicale di Gabriele Mirabassi (clarinetto), Roberto Taufic (chitarra) e Cristina Renzetti (voce), amanti e profondi conoscitori dell’universo musicale brasiliano. Lasciamoci trasportare, come la corrente del fiume, dalla grazia e dalla bellezza delle loro note che, oltre a qualche interpretazione di alcuni classici della bossa nova, per i quali Jobim è conosciuto in tutto il mondo, daranno ampio spazio a riarrangiamenti di brani meno noti, ma altrettanto caratteristici e intensi. Ad accompagnare l’imperdibile clarinetto di Gabriele Mirabassi sono Cristina Renzetti, cantante e autrice, nonché una delle più esperte interpreti italiane del repertorio brasiliano e l’inconfondibile chitarra di Roberto Taufic.]]>