Fondazione Cosso presenterà anche quest’anno il tradizionale appuntamento con il Concerto di Natale al Castello di Miradolo. Le sere del 25 e del 26 dicembre il progetto Avant-dernière pensée, a cura di Roberto Galimberti, proporrà “Ulisse”, la propria nuova e intensa ri-lettura del “Ritorno di Ulisse in Patria” di Claudio Monteverdi. Cuore della rilettura: il tema di Ulisse, non personaggio ma “discorso” sull’uomo, sulla sua natura, conteso tra la ricerca dei propri limiti e il desiderio del ritorno, tra la spinta verso la conoscenza e gli affetti e i sentimenti domestici. La partitura monteverdiana, eseguita per la prima volta a Venezia nel 1640, sarà frammentata e si presenterà, a partire dal manoscritto originale, in una veste intima e “da camera”; le voci slegate dai personaggi per diventare topoi dei conflitti elementari dell’animo dell’uomo, tra citazioni e rimandi alle diverse interpretazioni e letture che la figura di Ulisse ha ispirato nei secoli. Le 11 sale storiche del maniero neogotico ospiteranno una performance site-specific in cui la scenografia si fonde al racconto in musica dello straordinario viaggio compiuto da Ulisse. Il pubblico, libero di muoversi, sarà invitato a compiere fisicamente un proprio personale periplo attraverso le sale, tra voci, archi e un armonium, ma anche grandi vele bianche e installazioni video. Uno stimolo a partecipare, sentirsi in qualche modo Ulisse per una sera, trasformare la propria presenza in un viaggio emotivo, in uno dei momenti dell’anno che più sembra riportarci a casa: il Natale. Protagonista delle proiezioni video sarà il ballerino e performer Duda Paiva, con i suoi pupazzi di gommapiuma. Artista conosciuto in tutto il mondo, Duda Paiva crea performance uniche, tra danza, teatro e installazioni multimediali. Per la Fondazione Cosso si trasformerà in un inedito Ulisse, in dialogo con alcune tra le sue più famose rappresentazioni moderne. Il Concerto sarà collegato all’immagine della barchetta di carta, con il suo immenso portato simbolico; un rimando ideale alla scoperta, all’avventura, al coraggio e al superamento dei limiti. Gli esecutori: Roberto Galimberti, violino e direzione Francesca Lanza, soprano Augusto Valença, tenore Evans Tonon, basso Marco Pennacchio, violoncello Laura Vattano, tastiere storiche Marco Ventriglia, supervisione tecnica e regia audio Giulio Pignatta, intermedia Edoardo Pezzuto, luci   Date: 25 e 26 dicembre 2016 Ora: 21.15   Costi: 25 euro intero. 22 euro Abbonati Musei. 22 euro ridotto barchetta: per chi la porterà con sé la sera del Concerto. 15 euro ragazzi fino a 18 anni. Gratuito bambini fino a 6 anni.   Prenotazione obbligatoria. I posti per ogni rappresentazione sono limitati. Per informazioni e prenotazioni contattare il n° 0121.502761.  ]]>